Industria

Il MIT ha un'altra possibilità di produrre energia illimitata con la fusione nucleare

Il MIT ha un'altra possibilità di produrre energia illimitata con la fusione nucleare


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

La fusione nucleare è uno degli obiettivi più desiderabili non solo per gli scienziati nucleari ma per il mondo intero. Se l'obiettivo vede la realizzazione, il mondo avrebbe una quantità illimitata di energia gratuita poiché utilizza abbondanti fonti di carburante. I reattori non perderanno radiazioni al di sopra dei normali livelli di fondo e produrranno meno rifiuti radioattivi rispetto agli attuali reattori a fissione. Purtroppo nessuno è ancora riuscito a produrre un reattore che per essere alimentato richieda più energia di quanta ne produca ma gli scienziati sono convinti di non essere lontani.

[Fonte immagine: Chris Bolin, Wikimedia Commons]

Ora, il MIT ha appena ricevuto $ 22 milioni dal Senato per mantenere in vita il progetto fino al 2016. L'Alcator C-Mod è uno dei tre reattori sperimentali con sede negli Stati Uniti che sono attualmente operativi e ora, un esperimento di cinque settimane da parte di 12 studenti laureati è pronto per iniziare dopo che il reattore è stato riavviato dal senatore Warren durante una riapertura cerimonia.

Un poster in dissolvenza intitolato "Fusion, Physics of a Fundamental Energy Source" occupa quasi un'intera parete dell'atrio al secondo piano del Dipartimento di Scienza e Fusione del Plasma del MIT. Si legge: "Se le centrali a fusione diventassero pratiche, fornirebbero un approvvigionamento energetico praticamente inesauribile ... sono stati compiuti progressi sostanziali verso questo obiettivo". Questo poster, tuttavia, è stato realizzato nel 1996 e l'obiettivo deve ancora essere raggiunto.

La fusione produce energia quando i nuclei di idrogeno si combinano, con l'elio come sottoprodotto innocuo. Durante il processo, non tutta la materia viene conservata e alcuni si convertono in fotoni (energia), lo stesso processo che alimenta le stelle attive. Il potenziale per un combustibile quasi illimitato, economico ed efficiente che non danneggi l'ambiente ha reso a lungo la fusione nucleare il "Santo Graal" dell'energia.

Il successo di un reattore nucleare potrebbe porre fine a un'enorme quantità di problemi basati sul combustibile che dobbiamo affrontare con le risorse limitate di oggi e quindi è bello vedere progetti come questo tenuti in vita.


Guarda il video: Come funziona una centrale idroelettrica (Febbraio 2023).