Industria

Facebook ha deciso di acquistare una flotta di droni

Facebook ha deciso di acquistare una flotta di droni


We are searching data for your request:

Forums and discussions:
Manuals and reference books:
Data from registers:
Wait the end of the search in all databases.
Upon completion, a link will appear to access the found materials.

Potresti essere stato molto confuso da quel titolo. Perché mai Facebook vorrebbe una flotta di droni?

Facebook sembra destinato a inghiottire un'altra società acquisendo il produttore di droni Titan Aerospace per $ 60 milioni e cercheremo di lanciare una flotta di droni per fornire accesso a Internet in tutto il mondo (proprio come il progetto Outernet di cui abbiamo parlato). Anche i superpoteri come Google stanno cercando di fornire Internet dal cielo con grandi palloncini nel suo Project Loon e quindi sembra che la corsa per nuovi metodi di fornitura di Internet sia iniziata. E con queste grandi aziende che lavorano verso i meno fortunati che non hanno accesso a Internet, potremmo assistere a una battaglia filantropica.

[Fonte immagine: Titan Aerospace]

Facebook è più noto per l'acquisizione di tecnologie basate sui consumatori: tutti sono consapevoli degli acquisti di Instagram e di Whatsapp recenti. Ma il CEO di Facebook Mark Zuckerberg ha fissato un nuovo obiettivo con il suo Internet.org iniziativa che mira a fornire Internet agli angoli meno connessi del globo. L'obiettivo è, come avrai intuito, lanciare una flotta di droni nel cielo per fornire un servizio Internet mobile. L'iniziativa Internet.org sta ricevendo il supporto di molte grandi aziende tra cui Samsung, Ericsson, Nokia, Opera, Mediatek e Qualcomm e mira ad aumentare il tasso di adozione globale di Internet che è attualmente in circolazione Aumento annuo del 9%.

Secondo quanto riferito, i droni dei Titani possono rimanere nel cielo per cinque anni, alimentati da pannelli solari che coprono i loro gusci esterni. Durante i periodi di oscurità una batteria interna garantisce il funzionamento continuo dei droni e una volta riapparso il sole, le batterie possono essere ricaricate funzionando anche ad energia solare. Il Solara 50 ha un'apertura alare di 50m e pesa solo 160kg. Il piano è quello di testare il progetto iniziando in Africa, ma non mi aspetto alcun "selfie" delle tribù africane presto.

[Fonte immagine: Titan Aerospace]

Quando l'accordo sarà finalizzato, sembra che l'intera flotta attuale di Titan andrà verso il progetto e inizierà producendo 11 000 del modello Titan Solara 60 che può offrire un carico di stazionamento di 100 kg. I droni di Titano sono stati soprannominati Atmosat (satelliti atmosferici) poiché si trovano nell'atmosfera terrestre ma volano sopra lo spazio aereo regolato dalla FAA che termina a 60.000 piedi, quindi satellite.

Non è del tutto chiaro quanto sarà vantaggioso per un'azienda come Facebook. Sembrano lottare per ogni potenziale cliente e fornire queste aree prive di connessione potrebbe dare a più della popolazione mondiale un assaggio di ciò che Internet può offrire e, quindi, attirare più clienti a vita.


Guarda il video: Webinar algoWatt Ou0026M (Febbraio 2023).